LEGGE 23 FEBBRAIO 1995, N. 43

Nuove norme per la elezione dei consigli delle regioni a statuto ordinario

Art. 7

Non sono ammesse all誕ssegnazione dei seggi le liste provinciali il cui gruppo abbia ottenuto, nell段ntera regione, meno del 3 per cento dei voti validi, a meno che sia collegato a una lista regionale che ha superato la percentuale del 5 per cento.

 

 

 

LEGGE 17 FEBBRAIO 1968, N. 108

Norme per la elezione dei consigli regionali delle regioni a statuto normale

Art. 15

Operazioni dell置fficio centrale circoscrizionale

e dell置fficio centrale regionale

     1.    L置fficio centrale circoscrizionale, costituito a norma del precedente articolo 8, entro ventiquattro ore dal ricevimento degli atti delle sezioni elettorali, procede alle seguenti operazioni:

1) effettua lo spoglio delle schede eventualmente inviate dalle sezioni;

2) procede, per ogni sezione, al riesame delle schede contenenti voti contestati e provvisoriamente non assegnati e, tenendo presenti le annotazioni riportate a verbale e le proteste e reclami presentati in proposito, decide, ai fini della proclamazione, sull誕ssegnazione o meno dei voti relativi. Un estratto del verbale concernente tali operazioni deve essere rimesso alla segreteria del comune dove ha sede la sezione. Ove il numero delle schede contestate lo renda necessario, il presidente del tribunale, a richiesta del presidente dell置fficio centrale circoscrizionale, aggrega, ai fini delle operazioni del presente numero, all置fficio stesso altri magistrati, nel numero necessario per il pi sollecito espletamento delle operazioni.

     2.    Ultimato il riesame, il presidente dell置fficio centrale circoscrizionale far chiudere per ogni sezione le schede riesaminate, assegnate e non assegnate, in un unico plico che - suggellato e firmato dai componenti dell置fficio medesimo - verr allegato all弾semplare del verbale di cui al penultimo comma del presente articolo.

     3.    Compiute le suddette operazioni, l置fficio centrale circoscrizionale:

a) determina la cifra elettorale di ciascuna lista provinciale, nonch la cifra elettorale di ciascuna lista regionale. La cifra elettorale di lista data dalla somma dei voti di lista validi, compresi quelli assegnati ai sensi del n. 2) del primo comma, ottenuti da ciascuna lista nelle singole sezioni della circoscrizione;

 

 


 

 

b) procede al riparto dei seggi tra le liste in base alla cifra elettorale di ciascuna lista. A tal fine divide il totale delle cifre elettorali di tutte le liste per il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione pi uno, ottenendo cos il quoziente elettorale circoscrizionale; nell弾ffettuare la divisione trascura la eventuale parte frazionaria del quoziente.

Attribuisce quindi ad ogni lista tanti seggi quante volte il quoziente elettorale risulti contenuto nella cifra elettorale di ciascuna lista.

Se, con il quoziente calcolato come sopra, il numero dei seggi da attribuire in complesso alle liste superi quello dei seggi assegnati alla circoscrizione, le operazioni si ripetono con un nuovo quoziente ottenuto diminuendo di una unit il divisore.

I seggi che rimangono non assegnati vengono attribuiti al collegio unico regionale;

c) stabilisce la somma dei voti residuati di ogni lista e il numero dei seggi non potuti attribuire ad alcuna lista per insufficienza di quozienti o di candidati. La determinazione della somma dei voti residuati deve essere fatta anche nel caso che tutti i seggi assegnati alla circoscrizione vengano attribuiti. Si considerano voti residuati anche quelli delle liste che non abbiano raggiunto alcun quoziente ed i voti che, pur raggiungendo il quoziente, rimangano inefficienti per mancanza di candidati;

 

 


 

d) comunica all置fficio centrale regionale, a mezzo di estratto del verbale, il quoziente elettorale circoscrizionale, il numero dei seggi rimasti non attribuiti nella circoscrizione, e, per ciascuna lista, il numero dei candidati in essa compresi, la cifra elettorale, il numero dei seggi attribuiti e i voti residui; comunica altres la cifra elettorale di ciascuna lista regionale;

e) determina la cifra individuale di ogni candidato. La cifra individuale di ogni candidato data dalla somma dei voti di preferenza validi, compresi quelli assegnati ai sensi del n. 2) del citato primo comma, ottenuti da ciascun candidato nelle singole sezioni della circoscrizione;

f) determina la graduatoria dei candidati di ciascuna lista, a seconda delle rispettive cifre individuali. A parit di cifre individuali, prevale l弛rdine di presentazione nella lista.

     4.    Il presidente dell置fficio centrale circoscrizionale, in conformit dei risultati accertati dall置fficio stesso, proclama eletti, nei limiti dei posti ai quali la lista ha diritto, e seguendo la graduatoria prevista dalla lettera f) del precedente comma, i candidati che hanno ottenuto le cifre individuali pi elevate.

     5.    Di tutte le operazioni dell置fficio centrale circoscrizionale viene redatto, in duplice esemplare, il processo verbale.

     6.    Uno degli esemplari del verbale, con i documenti annessi, e tutti i verbali delle sezioni, con i relativi atti e documenti ad essi allegati, devono essere inviati subito dal presidente dell置fficio centrale circoscrizionale alla segreteria dell置fficio centrale regionale, la quale rilascia ricevuta.

     7.    Il secondo esemplare del verbale depositato nella cancelleria del tribunale.

     8.    L置fficio centrale regionale, costituito a norma dell誕rticolo 8, ricevuti gli estratti dei verbali da tutti gli uffici centrali circoscrizionali:

1) determina il numero dei seggi non attribuiti nelle circoscrizioni;

2) determina, per ciascuna lista, il numero dei voti residuati. Successivamente procede alla somma dei predetti voti per tutte le liste aventi lo stesso contrassegno;

3) procede alla assegnazione ai predetti gruppi di liste dei seggi indicati al numero 1). A tal fine divide la somma dei voti residuati di tutti i gruppi di liste per il numero dei seggi da attribuire; nell弾ffettuare la divisione, trascura la eventuale parte frazionaria del quoziente. Il risultato costituisce il quoziente elettorale regionale.

     9.    Divide, poi, la somma dei voti residuati di ogni gruppo di liste per tale quoziente: il risultato rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascun gruppo. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati ai gruppi per i quali queste ultime divisioni hanno dato maggiori resti e, in caso di parit di resti, a quei gruppi che abbiano avuto maggiori voti residuati. A parit anche di questi ultimi si procede a sorteggio.

  10.    I seggi spettanti a ciascun gruppo di liste vengono attribuiti alle rispettive liste nelle singole circoscrizioni seguendo la graduatoria decrescente dei voti residuati espressi in percentuale del relativo quoziente circoscrizionale. A tal fine si moltiplica per cento il numero dei voti residuati di ciascuna lista e si divide il prodotto per il quoziente circoscrizionale.

  11.    Qualora in una circoscrizione fosse assegnato un seggio ad una lista i cui candidati fossero gi stati tutti proclamati eletti dall置fficio centrale circoscrizionale, l置fficio centrale regionale attribuisce il seggio alla lista di un誕ltra circoscrizione proseguendo nella graduatoria anzidetta.

 

 


 


 

  12.    L置fficio centrale regionale procede al riparto della restante quota di seggi.

  13.    A tal fine effettua le seguenti operazioni:

1) determina in primo luogo la cifra elettorale regionale attribuita a ciascuna lista regionale, sommando le cifre elettorali ad essa attribuite ai sensi del terzo comma, lettera a); individua altres il totale dei seggi assegnati ai sensi dei commi precedenti al gruppo di liste o ai gruppi di liste provinciali collegati a ciascuna lista regionale;

2) individua la lista regionale che ha conseguito la maggiore cifra elettorale regionale;

3) qualora il gruppo di liste o i gruppi di liste provinciali collegate alla lista regionale di cui al numero 2) abbiano conseguito una percentuale di seggi pari o superiore al 50 per cento dei seggi assegnati al consiglio, proclama eletti i primi candidati compresi nella lista regionale fino alla concorrenza del 10 per cento dei seggi assegnati al consiglio; i restanti seggi da attribuire ai sensi del presente comma sono ripartiti tra i gruppi di liste provinciali non collegati alla lista regionale di cui al numero 2). A tal fine divide la somma delle cifre elettorali conseguite dai gruppi di liste provinciali in questione per il numero dei seggi da ripartire; nell弾ffettuare l弛perazione, trascura la eventuale parte frazionaria del quoziente. Divide poi la cifra elettorale di ciascun gruppo di liste per il quoziente cos ottenuto: il risultato rappresenta il numero di seggi da assegnare a ciascun gruppo. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono assegnati ai gruppi per i quali queste ultime divisioni hanno dato maggiori resti e, in caso di parit di resti, ai gruppi che hanno conseguito le maggiori cifre elettorali. I seggi spettanti a ciascun gruppo di liste sono attribuiti nelle singole circoscrizioni secondo le modalit di cui al decimo e undicesimo comma, ad iniziare dalla prima circoscrizione alla quale non stato ancora attribuito il seggio ai sensi del decimo comma. Qualora tutti i posti della graduatoria abbiano gi dato luogo all誕ssegnazione di seggi, l誕ttribuzione di ulteriori seggi ha nuovamente inizio a partire dalla prima circoscrizione della medesima graduatoria;

4) qualora il gruppo di liste o i gruppi di liste provinciali collegati alla lista regionale di cui al numero 2) abbiano conseguito una percentuale di seggi inferiore al 50 per cento dei seggi assegnati al consiglio, assegna tutta la quota dei seggi da attribuire ai sensi del presente comma alla lista regionale in questione;

5) proclama quindi eletti tutti i candidati compresi nella lista regionale. Qualora alla lista spettino pi posti di quanti siano i suoi candidati, i seggi residui sono ripartiti tra i gruppi di liste provinciali collegati alla lista regionale. I seggi sono ripartiti tra i gruppi di liste provinciali e attribuiti nelle singole circoscrizioni secondo le modalit di cui al numero 3), secondo, terzo, quarto, quinto e sesto periodo;

6) verifica quindi se la cifra elettorale regionale conseguita dalla lista regionale di cui al numero 2) sia pari o superiore al 40 per cento del totale dei voti conseguiti da tutte le liste regionali;

7) nel caso in cui la verifica prevista al numero 6) dia esito negativo, verifica se il totale dei seggi conseguiti dalla lista regionale e dai gruppi di liste provinciali ad essa collegate sia pari o superiore al 55 per cento dei seggi assegnati al consiglio; qualora tale seconda verifica dia esito negativo, assegna alla lista regionale una quota aggiuntiva di seggi che, tenuti fermi i seggi attribuiti ai sensi dei numeri 4) e 5) e quelli attribuiti in ambito provinciale, consenta di raggiungere il 55 per cento del totale dei seggi del consiglio nella composizione cos integrata con arrotondamento all置nit inferiore; tali seggi sono ripartiti tra i gruppi di liste collegate ai sensi del numero 3), secondo, terzo, quarto, quinto e sesto periodo;

8) nel caso in cui la verifica prevista al numero 6) abbia dato esito positivo, effettua le operazioni di cui al numero 7) sostituendo alla percentuale del 55 per cento quella del 60 per cento.

  14.    Nei casi di cui ai numeri 7) e 8) del comma precedente, i seggi assegnati al consiglio ai sensi dell誕rticolo 2 sono aumentati in misura pari all置lteriore quota di seggi assegnati ai sensi dei predetti numeri.

 

 

 


 

  15.    Nel caso in cui pi gruppi di liste provinciali siano collegati alla lista di cui al numero 2) del tredicesimo comma, l置fficio centrale regionale compila altres la graduatoria per le eventuali surroghe dei candidati ai sensi del terzo comma dell誕rticolo 16. A tal fine divide la cifra elettorale di ciascuno dei gruppi di liste provinciali di cui al periodo precedente successivamente per 1, 2, 3, 4 sino a concorrenza dei candidati proclamati eletti nella lista regionale e quindi sceglie, tra i quozienti cos ottenuti, i pi alti, in numero eguale a quello dei candidati eletti, disponendoli in una graduatoria decrescente. Tale graduatoria viene utilizzata per le eventuali surroghe di cui al terzo comma dell誕rticolo 16.

  16.    L置fficio centrale regionale comunica agli uffici centrali circoscrizionali le liste della circoscrizione alle quali sono attribuiti i seggi in base al riparto di cui ai precedenti commi.

  17.    Di tutte le operazioni dell置fficio centrale regionale viene redatto, in duplice esemplare, apposito verbale: un esemplare consegnato alla presidenza provvisoria del consiglio regionale nella prima adunanza del consiglio stesso, che ne rilascia ricevuta; l誕ltro depositato nella cancelleria della corte di appello o, per il Molise, del tribunale.

  18.    Per ogni lista della circoscrizione alla quale l置fficio centrale regionale ha attribuito il seggio, l置fficio centrale circoscrizionale proclama eletto il candidato della lista che ha ottenuto, dopo gli eventuali eletti in sede circoscrizionale, la maggiore cifra individuale.

Art. 16

Surrogazioni

1.   Il seggio che rimanga vacante per qualsiasi causa, anche se sopravvenuta, attribuito al candidato che, nella stessa lista e circoscrizione, segue immediatamente l置ltimo eletto.

2.   La stessa norma si osserva anche nel caso di sostituzione del consigliere proclamato a seguito dell誕ttribuzione fatta dall置fficio centrale regionale.

3.   Nel caso in cui si renda necessaria per qualsiasi causa la sostituzione di un consigliere proclamato eletto nella lista regionale, il seggio attribuito al primo dei candidati non eletti inclusi nella lista regionale e, qualora questa abbia esaurito i propri candidati, al gruppo di liste contrassegnate dallo stesso contrassegno secondo la graduatoria di cui al quindicesimo comma dell誕rticolo 15. Il seggio spettante al gruppo di liste viene quindi assegnato alla circoscrizione secondo le disposizioni di cui al decimo e all置ndicesimo comma del medesimo articolo. Nella circoscrizione il seggio attribuito al candidato che nella lista segue immediatamente l置ltimo eletto.

 

 


 

 

 


 

PREFERENZE

(in grassetto i nomi degli eletti)

 

Elezioni regionali MOLISE 23 aprile 1995
Elezioni regionali MOLISE 23-24 aprile 1995
Campobasso
Isernia
Molise democratico popolare
Partito democratico della sinistra
Popolari
Patto dei democratici
Rifondazione comunista
Federazione dei verdi
Marcello VENEZIALE
Maria Angela ASTORE in PALMIERI
Sabrina DE CAMILLIS in VENDITTI
Alfonso DI IORIO
Roberto RUTA
Eduardo SASSI
Nicola D'ASCANIO
Pasquale DI LENA
Antonio D'AMBROSIO
Luigi OCCHIONERO
Virginia Maria Antonietta MAURIZIO
Angelo Raffaele Pio Giuseppe DI STEFANO
Giampaolo COLAVITA
Matteo PETRUCCELLI
Domenico DI LISA
Giorgio PALMIERI
Maria Teresa DI TOMMASO in ALONSO
Annalisa ORLANDO
Francesco Pio DI BATTISTA
Antonietta FOLCHI in DI MAGGIO
Antonio GIULIANI
Margherita DI IORIO in FABRIS
Consiglia CHIOLA in DI GIOSIA
Fiorenzo ANNIBALLE
Antonio ZACCARELLA
Giovanni DI PILLA
Teresa Maria PERRELLA
Giuseppe FIDENZIO
Giuseppe COLICCHIO
Loredana Maria COIA
Giuseppe ASTORE
Adelmo BERARDO
Francesco COCCO
Antonio VARANESE
Giampaolo MELILLO
Sabrina DE CAMILLIS
Biagio ZAPPONE
Clara PASCIULLO
Maddalena IANNITTI
Antonia GALLESI in DE NATALE
Aldo PATRICIELLO
Angelo Michele IORIO
Mario VERRECCHIA
Alfonso DI IORIO
Franco MASTRONARDI
Angela CROLLA
Giovanna BUONO
Luigi Pardo TERZANO
Giovanni Emilio GIORGETTA
Felice DI DONATO
Antonio DI LALLO
Tullio FARINA
Filomena FLORIO
Filippo POLEGGI
Giuseppe MATTUCCI
Fernando TIRABASSO
Francesco Antonio DI ZINNO
Michele DI SANTO
Maria Lina ZUCARO
Carmine RICCIOLINO detto Bruno
Rosalba DEL SORDO in D'ERRICO
Gabriella MARIANO in CARISSIMI
Barbara MATTICOLA
Maria Giuseppina ARGANO in MASCIO
Franco CAPONE
Nicolina DEL BIANCO
Massimo STERPETTI
Antonio LITTERIO
Antonio IZZI
Antonia DI PLACITO
Salvatore GALEAZZO
Italo DI SABATO
Michele Antonio GIAMBARBA
Elio Bruno Mario SPADACCINI
Nicola MACORETTA
Giovanni Aureliano FRATE
Mario RUOCCO
Romano CROCE
Angelo DI TORO
Mauro NATALINI
Carmine CIRELLA
Giovanna Filomena PALUMBO in D'UVA CIFELLI
Aida TRENTALANCE in GUERRIZIO
Mario PISCITELLI
Liliana PROVVIDENTI in MUSACCHIO
Carla MANCINI
Lidia Emma LUPONE in CICCAGLIONE
Luisa DIODATI
Felice CARILE
Luigia ALTOPIEDI in DE VIVO
Roberto GIAMMARIA
Giovanna BARILE
Francesco PRIOLETTA
Mario MARTINO
Vincenzo CONTI
Lucio BRUNETTI
Piergiorgio ACQUISTAPACE
Maria Teresa COPPOLONE in D'ELIA
Michele NARDOZZA
Camillo PERRELLA
Pietro DI GIAMPIETRO
Piero Marco SFORZA
Bartolomeo CERIO
Vincenzo CRINITI
Giovanni PETRONE
Clelia Anna SQUARCIAPINO in ACETO
Giuseppe ROMAGNOLI
Angiola PETRELLA
Giovanna DI SOCCIO in COTUGNO
Lucia CORDONE
Elisa SARDELLA in PIEMONTESE

Elezioni regionali MOLISE 23 aprile 1995
Elezioni regionali MOLISE 23-24 aprile 1995
Campobasso
Isernia
Forza Italia - il Polo popolare
Alleanza nazionale
Centro cristiano democratico
Popolari di ispirazione cristiana
Quintino Vincenzo PALLANTE
Antonio VALVONA
Alfredo D'AMBROSIO
Teresio DI PIETRO
Angela DE SANCTIS in COPPOLA
Giuliana FRATICELLI in SASSI
Remo DI GIANDOMENICO
Tommaso DI DOMENICO
Nicola IACOBACCI
Rosario DE MATTEIS
Gabriele Domenico LA PALOMBARA
Stefano SABATINI
Claudio LALLO
Benedetto CIANCI
Michele STELLA
Antonio DI LALLO
Ida SARLI in DI VICO
Massimo BORCHI
Maria Vincenza ZARA in FERRAUTO
Maria Angiolina SANTORELLI in RUSSANO
Rosalba TILOTTA in ROSSI
Filomena DE MAIORIBUS
Maria Adriana PETTI
Emilio ORLANDO
Enzo BIANCHI
Mario MANCINI
Lucio RUFO
Elisa Aurora DE PAOLA in FRARACCIO
Dionisio ANGIOLILLI
Ines GIOIOSI in GRAVELLI
Massimo TORRACO
Angiolina FUSCO PERRELLA
Isabella BECCIA
Tito LASTORIA
Pierluigi LEPORE
Antonio LUCARELLI
Corrado CAVONE
Antonio DI MARZIO
Pietro Paolo EREMITA
Mario CISTRIANI
Giuliana FRATICELLI in SASSI
Angelo Carlo D'AMICO
Antonio MASCIOTRA
Fortunato GIANNUBILO
Flora RICCA in DURANTE
Maria Pia MINICHETTI PISTILLI
Giovanni D'UVA
Giovannicarmine MANCINI
Antonio VALVONA
Anastasio TRICARICO
Angela ZAMPINI PRIMERANO
Pasquale DE SIMONE
Franca LAURELLI VALENZA
Luigi DI BARTOLOMEO
Nicolino COLALILLO
Antonio PALAZZO
Giuseppe MOGAVERO
Antonello TUCCI
Nicola FANELLI
Giovanni ZURLO
Armando SPINA
Domenico PERFETTO
Pietro CARRIERO
Roberto DE ANGELIS
Teresina D'ANGELO
Marianna FADDA
Annunziata COROMANO
Maria Antonietta D'ADDARIO
Rita NIRO
Antonietta PIANO
Alfredo D'AMBROSIO
Benedetto IANNACONE
Sergio IADANZA
Maurizio DE VINCENZI
Mario DI IORIO
Maria CENTRACCHIO
Ester BOSCHI in DI MARZIO
Antonio MARTINO detto Tonino
Giuseppe RUGGIERO
Mario FRATANGELO
Maria TOMARO
Adornino CALABRESE
Mario DI NIRO
Antonio LIBERATORE
Mario POCE
Vincenzo DEL GRANDE
Filomena POLIZIA
Gaetano DI STEFANO
Isidoro IANNONE
Luigi PIETRUNTI
Lucia FAONTE
Maria Antonietta ROMANO
Antonia FUSILLI detta Tonia
Annamaria LIMONCINO
Fernando FABRIZIO
Alessandro PATRIARCA
Mario FRATANGELO
Giuseppe MASSUCCI
Franca MARINELLI
Mario POCE
Donata MAZZILLI

 

314